Month

Maggio 2019
Le inquadrature oggettive e soggettive, lo sguardo nella ripresa cinematografica come esemplificazione dei punti di vista nelle relazioni personali, soggettivi e “di parte” che richiedono una buona dose di empatia e apertura all’altro per poter avvicinarsi ad essere più oggettivi. Il laboratorio sulla recitazione di fronte alla macchina da presa – tenuto dal regista Dominick Tambasco a Il Lavoratorio a Firenze- ha solleticato in me varie riflessioni. Nei precedenti articoli è stato il turno di una riflessione globale e concettuale del paradosso dell’autenticità e della finzione nella recitazione e soprattutto nel cinema come riflessione sull’autenticità nella vita reale (Ciak ep.1...
Read More
Le singole scene che creano la storia e la sceneggiatura di un film sono entità indipendenti. È con il montaggio che si crea la storia con un senso. Proprio come gli episodi e capitoli nella nostra vita. Continuano nelle suggestioni e riflessioni suscitate dal corso di recitazione di fronte alla macchina da presa – tenuto dal regista Dominick Tambasco a Il Lavoratorio a Firenze-. Nel precedente articolo (Ciak ep.1 – Il paradosso dell’autenticità) è stato il turno di una riflessione globale e concettuale del paradosso dell’autenticità e della finzione nella recitazione e soprattutto nel cinema come riflessione sull’autenticità nella vita...
Read More
Il paradosso dell’autenticità e della finzione nella recitazione e soprattutto nel cinema come riflessione sull’autenticità nella vita reale, fatta troppo spesso cosparsa di finzioni, ruoli prestabiliti, battute studiate a memoria e scene prive della necessaria improvvisazione e dose di genuinità. Qualche giorno fa ho partecipato ad un laboratorio molto stimolante tenuto dal regista Dominick Tambasco in quella magica atmosfera che è Il Lavoratorio a Firenze. Il cinema come ispirazione La mia incurabile curiosità e voglia di mettermi alla prova mi ha fatto addentrare in un mondo a me completamente estraneo, il mondo del cinema e la recitazione di fronte alla...
Read More
Quante volte vorremmo mettere in pausa la nostra vita. Premere il tasto pause e stare lì, spettatori e non attori, ad aspettare un atto che ci piaccia di più, un futuro più roseo, una parte più consona a noi, più semplice o al contrario più sfidante, o semplicemente per suggellare momenti che non vorremo perdere neppure se mantenuti in forma di ricordo. Nei precedenti articoli abbiamo visto come assumerci le responsabilità delle azioni commesse sia l’unica strada per poter liberarci dalle ancore del passato, senza dover premere il tasto rewind (Ritorno al futuro ep. 2) e come le scelte che...
Read More

Newsletter

Segui la mia newsletter!

Ho letto ed accetto la Privacy Policy

Intanto sul profilo Instagram…

Le ultime dalla mia PAGINA FACEBOOK